20/05/2007 - Altri articoli dello stesso autore Antonello da Messina
Grande concorso superficiale: FOTOGRAFA LA DEMOCRAZIA
«Il Superficiale» è lieto di indire il suo primo concorso fotografico: Fotografa la democrazia.
Inviateci le fotografie delle vostre schede elettorali votate: i nostri lettori e una giuria di esperti decreteranno la scheda vincitrice.
Entrate al seggio con una fotocamera, votate come meglio credete e, prima di ripiegare la scheda, fotografatela in modo che il voto sia ben visibile, inviando poi l’opera alla nostra casella di posta. Una giuria di esperti presieduta dal riconfermato sindaco di Palerno Diego Canmarata provvederà a scegliere le 10 migliori fotografie, che verranno pubblicate sul sito; a questo punto saranno i nostri lettori (cioè Voi) a scegliere la vincitrice assoluta, cui verrà assegnato il primo premio. È prevista la segnalazione di ulteriori 4 immagini; le prime dieci resteranno on-line nella nostra galleria.
«Papà, ma com’è fatta la democrazia?». «Vieni figliolo, ti mostro l’album di famiglia!».
A seguire i dettagli sulle modalità di partecipazione e i premi. (Continua....)

 
27/02/2007 - Altri articoli dello stesso autore Nando Caligola
Le favole superficiali — Un Natale felice per il bambino piccolo piccolo
Anche «Il Superficiale» ha a cuore i bambini, soprattutto quelli più piccoli. Presentiamo quindi il primo prezioso contributo di Nando Caligola, sperando che ne seguano molti altri.
Le favole del bambino piccolo piccolo faranno senz'altro felici i nostri giovani lettori e, ci piace pensarlo, anche il bambino che è in ognuno di noi. Buona lettura.





Un Natale felice per il bambino piccolo piccolo.

Un giorno il bambino piccolo piccolo passeggiava spensierato tra le vie della città addobbate a festa. Faceva freddo, e il bambino piccolo piccolo, nato e cresciuto in una famiglia povera che di stenti viveva, indugiava di fronte alle vetrine dei negozi.

 
10/02/2007 - Altri articoli dello stesso autore Anonimo
Bacchette scomode e modelli di sviluppo
Un lettore ci scrive:

“Spettabile «Il Superficiale»,
se mi è concesso vorrei farvi una domanda: di questo passo, dove andremo a finire?

Mi spiego meglio. Da anni si sente parlare del modello cinese, della delocalizzazione in Cina, di quanto siano bravi i cinesi a produrre qualunque cosa, dalle trombette di carnevale ai ritrovati più evoluti. Senza contare le griffe fasulle, le cineserie e la morra cinese, pratiche nelle quali eccellono da sempre.

Il modello però ha una falla, una falla enorme, e credo sia meglio accorgercene adesso prima che sia troppo tardi. In Cina, si sa, si mangia prevalentemente il riso. Cosa usano i cinesi per mangiare il riso? Le bacchette! C’è qualcosa di meno adatto delle bacchette per tirare su il riso?


 
22/12/2006 - Altri articoli dello stesso autore Anonimo
Un lettore ci scrive: "Voglio il pacemaker del mio Berlusconi!"
Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera/appello di un lettore. Il direttore de Il Superficiale sta facendo una meritata settimana bianca a Pantelleria, ma sarà ben lieto di rispondere al rientro.



Egregio Stimato Chiarissimo Direttore del Superficiale,

chi le scrive è un pizzicagnolo del quartiere Sanità di Napoli, tale Vincenzo Salvo Cirillo, che sono io, e ho 58 anni, sposato da trent’anni con Maria Addolorata, anche lei pizzicagnola come sono io, e ho due figlie, Piersilvia Maradona ha 26 anni e sta finendo l’Istituto Tecnico, mentre Emilia Federica Careca ha 20 anni e sta finendo la scuola media.
Le scrivo perché il sottoscritto qua ha un problema. Premetto che dal 1983 sono un fan accanito del Presidente Silvio Berlusconi, da quando c’è lui non ho mai

 
10/12/2006 - Altri articoli dello stesso autore Antonello da Messina
Il punto superficiale della situazione
Giacché l’editorialista Kakaric è rimasto intossicato da uno spezzatino di tenia al sivè, ed è tenuto in osservazione al San Raffaele di Milano per monitorarne lo stato di salute, spetta a me dire due parole sul nuovo numero, scusandomi a nome della redazione tutta per il lungo silenzio.

Il titolo, anzitutto, è una citazione particolarmente colta: ne «L’allenatore nel pallone», Banfi-Canà apostrofa così un noioso interlocutore, uscendo elegantemente di scena. Su chi siano i bistronzi nel mondo reale, fate voi: se è vero che la stampa italiana è asservita ai potenti, non saremo certo noi, prostrati dalla nascita, a smentire il luogo comune facendo nomi e cognomi. Diciamo che comunque non sono proprio i più cattivi: sono appena appena cattivi, sono un po’ furbi ma non troppo, sono abbastanza disonesti… Insomma, sono i Bistronzi!

Per il resto, salutiamo il ritorno di Nando Caligola, che ci regala una struggente poesia, opera giovanile dell'ormai affermato Adalberto Ciaccio; vi aggiorniamo sulle vicende di Maurizio Coccolone e riceviamo e pubblichiamo un intervento di Lino Preti.

Infine, e salvo incidenti durante la prossima assemblea di condominio, vi faremo anche un regalino per farvi passare un Natale davvero superficiale.

 
10/12/2006 - Altri articoli dello stesso autore Nando Caligola
Arriva Giugno


Arriva Giugno
E io mugugno
L’arsura
Si fa dura
Ho bisogno
Di villeggiatura.

Così di fronte ad un’anguria
Del chiosco di Gennaro
Io, Ruggero e Rocco
Optiam per la Liguria.

La domenica seguente
Alle sette di mattina
È nostro il treno partente,
la Liguria s’avvicina!

Spotorno, Ventimiglia
Ma non erano solo Vie? (1)
Peccato per la griglia
In spiaggia solo biglie.


 
10/12/2006 - Altri articoli dello stesso autore Antonello da Messina
Esclusivo, Coccolone si sfoga: «L’Italia mi ha già dimenticato»

A un anno esatto dalla liberazione, torniamo a Pontirolo Nuovo per scoprire com’è la vita di Maurizio Coccolone, ormai lontano dai riflettori.
In un’intervista esclusiva, l’italiano che tutti vorremmo come figlio si sfoga con noi e rivela: «Ho le ascelle di Brad Pitt, ma adesso faccio il pizzaiolo e nessuno si ricorda più di me». Il nostro Antonello da Messina, vinta un’estenuante sfida on-line a Monòpoli con Murdoch, Lucia Annunziata e Bobo Vieri, cerca di disintossicarsi dal tarlo del multiplayer passando qualche giorno in provincia. Quale migliore occasione per andare a trovare il caro Coccolone?

 
10/12/2006 - Altri articoli dello stesso autore Lino Preti
Il culo della Bellucci non merita un’enciclica; eppure, conosce i Popol Vuh
Sono lì sulla spiaggia di Acapulco che prendo il sole nudo integrale. Sulla sdraio vicino alla mia c’è svaccata la Bellucci, nuda integrale, che fa la pubblicità al suo ultimo film, quello dove dicono che scimmiotta ‘Bocca di rosa’ di De Andrè. In effetti, la cosa che si nota di più in lei è proprio la bocca; il resto passa inosservato.

Quello lì che passa è … dio no! il Camillo Ruini in anima e ossa! Lo apostrofo: “Ciao, C’amillo!”.
Lui mi fa: “Ssssccc! sono in incognito: com'è che mi si riconosce?”.
“Ostrega, con quel prendisole color porpora intenso”.

Fingendosi un regista cult, si avvicina alla Bellucci e le propone di girare ‘La Monica di lonza’, un film contro i piaceri della carne.
“Il seguito si chiamerà ‘Il branzino di Riace?” gli faccio io.

 
Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto