19/11/2005 - Altri articoli dello stesso autore Antonello da Messina
Al Jazeera: "Liberato Coccolone" Smentita nella sera
Oggi Ci siamo svegliati con una splendida notizia: la liberazione di Maurizio Coccolone, nelle mani dei suoi rapitori da ormai più di 100 giorni. In serata, però, è giunta la smentita ufficiale. Vediamo cos’è successo.
Nella notte le agenzie di stampa, l’Ansa in testa e con effetto domino tutte le altre, battono la notizia che quasi nessuno sperava più di leggere: “Probabile rilascio di Coccolone”. Quel “probabile” mette sull’avviso un po’ tutti, ma in casi come questi è consuetudine non esprimersi con eccessiva sicurezza, sicché prevale l’ottimismo e la notizia viene presa per buona, rimbalzando ed autoalimentandosi ad ogni passaggio d’agenzia.

 
17/11/2005 - Altri articoli dello stesso autore Gianduia Balengo
La vera Storia di Maurizio Coccolone
Grazie ai nostri inviati afgani Edgardo Vermiglio Cattelan e Manfredo Giairole, siano venuti a conoscenza di una storia d’incredibile attualità, celata dalla stampa specializzata.
È la storia di un uomo normale, uno come tutti noi che ha avuto l’unico torto di amare il gorgonzola lombardo.
Stiamo parlando di Maurizio Coccolone, nato il 15/11/1972 a Pontirolo Nuovo, in provincia di Bergamo. Figlio di Osvaldo, falegname rinomato in paese per la sua capacità di sollevare da terra un bicchiere di grappino con le dita dei piedi, e di Gina, casalinga inquieta che passa tutto il giorno a cercare con la parabola satellitare le telenovele dell’Ecuador e del Paraguay («che bei fiulot’ sun sti’ negras!» è il suo commento solito), Maurizio, insieme al fratello Kevin, oltre ad occuparsi ogni domenica delle coreografie de “L’Atalanta fan club di Pontirolo Nuovo (non vecchio)”, passa la sua vita a vendere agli anziani del posto e dei paesi limitrofi, per due euro l’una, le etichette delle confezioni di gorgonzola prodotte a Lurano, facendole passare come quegli indispensabili cimeli dei Partigiani bergamaschi invidiati dai rivali bresciani.
Come avrete capito la vita di Maurizio è come quella di tutti noi: un ragazzone dai sani ideali, semplice e senza troppi grilli per la testa, collezionista della rivista “Le rugose bergamasche” e perennemente single poiché schifato dalle ragazze del posto, tutte innamorate di Brandon Lee Noscherone, figlio del vicino di casa Walter, noto carpentiere della zona.
Un giorno, però, si consumò la tragedia: la moria di tutte le vacche di Lurano, dovuta, a detta degli abitanti del posto, di un virus diffuso da alcuni rumeni venuti a vivere nella zona.
Maurizio non seppe più che fare: rischiava di rimanere disoccupato, ma questo lo importava poco. Ciò che più lo preoccupava era piuttosto la sorte dei vecchietti di Pontirolo Nuovo: cosa avrebbero fatto senza le etichette del gorgonzola? Come potevano guardare ancora negli occhi i rivali bresciani?
Furono giorni duri per Pontirolo Nuovo.

 
12/05/2005 - Altri articoli dello stesso autore Alberto G. Barullo
C is For Coccolone: verità e Menzogne
Prima che la scure della censura cadesse su Maurizio Coccolone e venissero cancellate tutte le tracce della sua esistenza (mediatica e non), di lui vennero dette parecchie menzogne ed alcune (poche) verità. Chiariamo una volta per tutte alcuni aspetti della vicenda Coccolone:
"Maurizio Coccolone è un mercanerio"
Affermato da gran parte della stampa appartenente, secondo la vulgata, all'area politica di sinistra (Manifesto, Repubblica, Corriere dei Piccoli). E' una clamorosa ed infame menzogna.

 
05/11/2005 - Altri articoli dello stesso autore Gianduia Balengo
La Riforma Elettorale punto per punto
In questi ultimi giorni in Italia si discute di riforma elettorale.
Tenuto conto che noi de Il Superficiale non abbiamo seguito neanche un secondo della questione, in quanto impegnati in interminabili tornei di bocce e strenuamente concentrati a trovare l’assassino in Cluedo, potremmo finire il presente articolo qui, risparmiando tanta fatica: non è per niente facile, infatti, schiacciare i tasti giusti del computer e comporre le frasi.
E poi, il plurale di “boccia” è “boccie” o “bocce”? Che cos’è una preposizione avverbiale? Capirete bene le difficoltà per scrivere un articolo. Eppure ci è giunta in redazione un foglietto scritto da Vincenzo Il Bufalo, noto mozzarellaio napoletano, in cui viene spiegata, punto per punto, la nuova legge elettorale proposta dalla maggioranza di governo, che in realtà è una minoranza però si chiama maggioranza: boh, non ci capiamo u’ cazz’.
Però, solo per voi, cari indefessi lettori, abbiamo deciso di comunicarvi il contenuto del suddetto foglietto, il quale dimostra l’imparzialità della proposta di Magic Silvio e compagnia.

 
11/08/2005 - Altri articoli dello stesso autore Anonimo
Ricevuto e Pubblicato - No Tav
Ciò che trovate nell'articolo è di quelle email che "girano"; riguarda la linea ad alta velocità Torino-Lione (la cosiddetta TAV). Dobbiamo ammettere che non abbiamo la minima idea di chi sia l'autore del testo - probabilmente a spulciare il sito www.notav.it una risposta alla domanda la si trova - nè abbiamo avuto modo di verificare, punto per punto, le affermazioni e tesi che contiene.
Noi ve lo giriamo così com'è: se anche solo una - una sola - delle testi sostenute fosse autentica, varrebbe la pena preoccuparsene veramente.

 
11/02/2005 - Altri articoli dello stesso autore Alberto G. Barullo
A qualcuno piace Spam
Dunque, senza troppi giri di parole: lo spam mi è sempre piaciuto. E non solo lo spam inteso come email spazzatura, persino lo spam “carnaceo” – perdonate l’orribile neologismo: lo spam di carne, al secolo la pressatella – qualche volta l’ho mandato giù: buono come un hamburger da McDonald’s, il che è tutto detto.
La questione è che si tratta di due cose – lo spam e l’hamburger – che al tempo stesso fanno schifo ma attraggono: volendo continuare l’elenco menzionerei le porcate di surgelati nel banco freezer dei supermercati (eccezionale la “Baguette Salami”, nel Lidl di zona dovreste ancora trovarla, se non è stata messa all’indice del cibo proibito dai Nas nel frattempo), gli odorosi prodotti emessi sotto le coperte e quindi annusati, i telegiornali di Emilio Fede, la televisione in generale eccetera eccetera.

 
10/05/2005 - Altri articoli dello stesso autore Alberto G. Barullo
La Favola del cittadino, della Pop Star e del Bitume
C'era un volta un cittadino, ligio e timorato di Dio, che aveva due pargoli in tenera età.
Un bel giorno, acquistando bitume, il cittadino ebbe la fortuna di fare la conoscenza di Michael Jackson, la famosa pop-star un tempo di colore ed oggi un po' meno.
In breve, i due scoprirono di avere parecchi interessi comuni - il bitume anzitutto - e divennero intimi amici. Il cittadino era alquanto orgoglioso della novella amicizia altolocata: egli fantasticava già di un luminoso futuro per i propri pargoli nello star system musicale.

 
04/05/2005 - Altri articoli dello stesso autore Antonello da Messina
Il Professore, Honolulu ed i Borracciones
Di Alvaro Rojo tutti ricordano quella bizzarra commedia dove il protagonista, reso folle dal tradimento della moglie, non fa che ripetere versi sconnessi a mo' di insensati scioglilingua: "Non è il perché che ti rimbomba nella tomba", oppure "Piuttosto è giunto tosto Alfonso di nascosto", e così via.
Opera originale, ma che nella traduzione dallo spagnolo ha perso la più parte del suo valore: esempio, ma non spetta a me dirlo, di come talvolta, per internazionalizzare un autore, si finisca invece per sminuirlo.

 
01/05/2005 - Altri articoli dello stesso autore Alberto G. Barullo
FSC - Capitolo 13
In questo numero, il tredicesimo capitolo di "Fatica Sudore e Cazzo", altrimenti conosciuto come "Il Romanzo d'Appendice per l'Uomo Mediocre", anche noto come "L'Unico Romanzo che Contiene la Parola Cazzo Solo nel Titolo", talvolta citato come "Ruggiti d'Amore".

Capitolo tredicesimo, dicevamo, "Nel quale tre prigionieri si scoprono vittime d'un inganno e si contempla l'abbagliante Verità del Motore Immobile".

 
Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto