10/12/2006 - Altri articoli dello stesso autore Lino Preti
Il culo della Bellucci non merita un’enciclica; eppure, conosce i Popol Vuh
Sono lì sulla spiaggia di Acapulco che prendo il sole nudo integrale. Sulla sdraio vicino alla mia c’è svaccata la Bellucci, nuda integrale, che fa la pubblicità al suo ultimo film, quello dove dicono che scimmiotta ‘Bocca di rosa’ di De Andrè. In effetti, la cosa che si nota di più in lei è proprio la bocca; il resto passa inosservato.

Quello lì che passa è … dio no! il Camillo Ruini in anima e ossa! Lo apostrofo: “Ciao, C’amillo!”.
Lui mi fa: “Ssssccc! sono in incognito: com'è che mi si riconosce?”.
“Ostrega, con quel prendisole color porpora intenso”.

Fingendosi un regista cult, si avvicina alla Bellucci e le propone di girare ‘La Monica di lonza’, un film contro i piaceri della carne.
“Il seguito si chiamerà ‘Il branzino di Riace?” gli faccio io.
01/03/2006 - Altri articoli dello stesso autore Lino Preti
Il Commissario Carletto Brambilla detto Cicianebbia e i delitti del 381
381 colpi di machete: la donna era conciata un po’ male. A mollo in due pozze di sangue: una del diametro di 46 cm, l’altra giungeva a 48,3.
Il commissario Carletto Brambilla detto Cicianebbia - per via delle sue origini meneghine - trascrisse meticolosamente la seconda cifra sul suo taccuino: registrava i record relativi alla sua professione. Una volta in pensione, li avrebbe pubblicati in una sorta di ‘Guinness dei primati polizieschi’. Ignorava che non sarebbe mai giunto a quella età: sarebbe morto precocemente stroncato da un’overdose di noccioline americane e cocacola durante un appostamento notturno. (Glielo anticipo qui per pura cattiveria)

Difficile intuire l’identità del cadavere, per via dell’efferato sminuzzamento; ma il commissario Brambilla non ebbe dubbi, leggendo la carta d’identità trovata nella borsetta lì accanto: era una donna. ‘Segni particolari’ – lesse – ‘Una profonda cicatrice sul mento’. Un destino.
Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto