26/04/2010 - Altri articoli dello stesso autore Nonna Uga
Sindone: consigli per il lavaggio
Il lenzuolo più famoso del mondo continua ad attirare milioni di pellegrini, scatenando le ire e i geriatrici furori di Nonna Uga, che tuona: «Il mio bucato è molto più bianco ma non se lo fila nessuno». Ecco dunque i suoi preziosi consigli per il lavaggio.

Trattandosi di un capo di lino, non ci sono dubbi per quanto riguarda il programma: scegliete “lino” e passiamo oltre.
La temperatura è un problema solo teorico: vista la resistenza agli incendi dimostrata più e più volte, potete fare tranquillamente un lavaggio a 90° senza compromettere il tessuto.
Se la vostra sindone, come l’originale, presenta rammendi per così dire importanti, è opportuno — sempre che la vostra lavatrice lo consenta — impostare una velocità di centrifuga contenuta (indicativamente sui 400 giri/min).

Il detersivo — indifferente se liquido o in polvere — va dosato in base allo sporco e alla durezza dell’acqua: seguite le indicazioni del produttore e nel dubbio tenetevi scarsi.

Un’ultima nota sull’ammorbidente: siate parchi e impiegatelo solo per la sua funzione profumante. È ovviamente anche una questione di gusto personale, ma un uso abbondante potrebbe compromettere la piacevole ruvidezza del lino, che è poi la caratteristica peculiare di questo fantastico tessuto.

Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto