28/06/2009 - Altri articoli dello stesso autore Luca Borello
Xenofobi di tutto il mondo unitevi
Una firma storica del Superficiale torna su queste pagine con un pezzo tratto dal suo blog http://grattaevinci.wordpress.com, dove potete leggere la versione integrale.

[…]
Ecco come potrebbe essersi svolta una telefonata di congratulazioni tra un esponente della Lega e uno del Partito Grande Romania (che ha preso l’8,7% alle europee: alle politiche non era nemmeno entrato in Parlamento).
— Uè, rumeni merda, finalmente ce l’avete fatta, eh?

— E sì, caro il mio pizza mandolino: il tempo degli ebrei, dei comunisti e dei froci sta per scadere anche qui. Era ora. E d’ora in poi, attenzione a passare da queste parti: non ci piacete voi italiani. Siete traditori, lo sanno tutti. Comunque anche voi avete ottenuto un gran bel risultato, complimenti.

— Che dire, è merito sopratutto vostro, che siete un popolo di ladri, zingari e stupratori. Fate davvero schifo. Se non ci invadevate con il vostro puzzo di aglio e vino scadente, non riempivate le strade di puttane e non venivate a fregare il lavoro a noi italiani, non so mica se ce la facevamo.

— Ah no, sono io che ringrazio te, italiano mafioso. Se non foste un popolo di puttanieri incalliti e imprenditori disonesti che vengon qui a scopare e metter su fabbriche per pagare meno i lavoratori, non ce l’avremmo fatta nemmeno noi. Siete proprio lo zimbello d’Europa. Grazie davvero.

— Non c’è di che. Adesso i vostri concittadini ve li rimandiamo a casa tutti con il segno della pedata sul culo, vedrai. Altro che in Mercedes. Pezzenti. Comunque anche quelle mezze seghe di austriaci ci dan dentro, eh?

— Per non parlare di quegli straccioni pornografi degli ungheresi… O dei russi, cazzo di alcolizzati. Se entrano anche loro nell’UE, siamo a cavallo.

— E gli olandesi, quei drogati? Hai visto che risultato il Partito per le Libertà?

— Ma sì, le cose van davvero bene. Vedrai che prima o poi ’sti stranieri li mandiamo tutti a casa.

— Vaffanculo, allora.

— Vaffanculo anche tu, such pula.

Chi ha detto che la pace tra i popoli debba fondarsi sul rispetto reciproco?

Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto