25/06/2008 - Altri articoli dello stesso autore Anonimo
Euro 2008 e indipendentismo sardo: gli interventi della nostra tavola rotonda.
L'Italia è fuori dagli Europei. Ma mentre il Continente si dispera (e ne ha ben donde: la sconfitta calcistica guasta il momento idilliaco che stavamo vivendo), qualche isolano festeggia.
L'abbiamo scoperto l'altra sera, quando sul pianerottolo redazionale si è sviluppata un'accesa discussione in merito, proseguita al bar.
Qui c’era, inspiegabilmente, uno stenografo della Camera che, per deformazione professionale, ha trascritto "gli atti".
Pascetevene a sazietà!
Bainzu Porcu da Calangianus: E adesso godetevi la sconfitta! Hahahahahahaha!!!!!!!! Hihihihihihihihhhihih..... I campioni di 'sto cazzo.....
Hahahahahhaa!!!!!!!! Hihihihihihihihi.... Scusate, non riesco a smettere di ridere...!!!!!!!!!

Nando Caligola: Bainzu, penso di parlare a nome di tutti: ma sei cretino?

Antonello da Messina: Scusa Nando, se parli in generale credo che tutti ti diano ragione (compreso lo stesso Bainzu), ma sulla questione specifica mica tanto. Ti ricordo infatti che il nostro amico è un convinto indipendentista, e parla di conseguenza. A proposito Bainzu, hai votato coerentemente Lega?

Wassily Kulo Kakaric: ....manca un pezzo di ragionamento:
"Ti ricordo infatti che il nostro amico è un convinto indipendentista cretino e parla di conseguenza".

B.P.: Antonello, hai colto in pieno!
Comunque, cretino o no, caro Nando, un bel cetriolino in culo ve lo siete preso... Hihihihihihih....!!!

W.K.K.: ....Tutto 'sto rosicare solo perchè la nazionale sarda (vedi foto del capitano) non è riuscita nell'impresa di qualificarsi all'europeo...... Incùlati!


N.C.: Eppure, Caro Wassily, l'attaccante titolare della nazionale sarda (vedi foto qui a lato) che dovrebbe chiamarsi Addu, è considerato una delle più promettenti stelle dello sport sardo!

W.K.K.: Lo so, si vocifera infatti di un interessamento di Corvino, notoriamente attento alle giovani promesse… Pare però sia una testa matta, più attento alla disco che non al campo di gioco; l'ultima sua fiamma (eccola in una bella immagine) ha fatto discutere più delle sue giocate sul rettangolo di gioco...


Antonio Cacao: Vi sfugge una cosa ragazzi... la Sardegna non si è qualificata agli europei solo perché lo scontro decisivo con il Principato di Seborga non si è potuto giocare per impraticabilità del campo! L’immagine parla da sé.

N.C.: Eh caro Antonio, tu però sembri non essere al corrente della lotta serrata della Sardegna contro la Fifa, soprattutto dopo che la Bolivia è riuscita a fare innalzare l'altitudine sufficiente per giocare.
In buona sostanza il punto di diritto sollevato dall'avvocato Gavino Fodda è il seguente: se alla Bolivia è stato dato il permesso di poter giocare le partite in casa anche oltre i 5000 metri d'altitudine, allora anche alla nazione Sardegna deve essere permesso di giocare in campi con pecore. Tale negazione sarebbe immotivata e creerebbe una disparità sostanziale di trattamento tra le nazioni nel mondo, cosa che andrebbe a ledere un principio portante del diritto internazionale.
L'annullamento della partita Sardegna-Principato di Seborga è stato un vero e proprio atto di guerra da parte della FIFA.
Comuqnue ecco il campo di allenamento della nazionale Sardegna ad Alghero, che può grazie al suo impatto visivo farvi rendere maggiormente conto della situazione.


Gianduja Balengo: Il problema è più grave di quello che possa sembrare. Se si fosse giocata la partita Sardegna-Principato di Seborga, il Principato di Lucedio avrebbe rapito l'80% delle pecore del territorio sardo per ripicca, visto che la Fifa ha sempre perseguitato ingiustamente quest'ultimo per illeciti sportivi mai commessi. Ricordiamo tra l'altro che il Principato di Lucedio sconfisse quello di Seborga 3-0 lo scorso anno. Pertanto, meritava di giocare contro la Sardegna.
La notizia comunque dell'esclusione della Sardegna è stata così accolta dalle mogli dei calciatori sardi. Notare in foto la tristezza dei volti...


W.K.K.: Non avete preso in considerazione — e pare non averlo preso nemmeno la Fifa nel caso Seborga-Bolivia — un fatto. Nel 1973 venne giocata una partita ufficiale fra Sardegna e la Rappresentanza Sommozzatori Folgore (priva tuttavia dei prezioni maiali-incursori). L'incontro, per la cronaca, si concluse 2-1 per la Sardegna con reti di Puddu (S) Luzzu(S) e Ciano (RSF) in pieno recupero. Non ci sarebbe nulla di strano se non per il fatto che all'epoca fu concesso alla Sardegna di schierare ai margini del terreno di gioco 34 muli (qui ritratti mentre accedono al terreno di gioco accompagnati dall'allenatore in seconda Sulcis). Uno dei muli entrò anche nel corso della ripresa, cogliendo persino un clamoroso palo da 35 metri. Il precedente pare essere dolosamente ignorato, e sinceramente non riesco a farmene una ragione.


G.B.: Intanto, l'esclusione della Sardegna dalle competizioni europee, per quanto vincente nell'ultima amichevole contro l'Associazione Pescatori Siracusani nel derby delle isole, ha generato manifestazioni di piazza continue. In questa foto ve ne propongo una, quella più violenta.



A.d.M. (riattaccando il telefono): Era mio cognato. Pare che il Comune di Iglesias, per festeggiare la vittoria spagnola, abbia ritirato la causa mossa presso la TOPUN (l’agenzia Onu per la toponomastica) contro Julio Iglesias, accusato di averne usurpato il nome. Il cantante iberico (qui immortalato dopo aver appreso la notizia), da parte sua, ha dichiarato che comprerà casa nel suddetto Comune per poter pagare l’Ici e la tassa rifiuti; si è inoltre offerto di incidere il nuovo inno della nazionale Sardegna sulle celebri note del Paradisi .


B.P. (armeggiando col cellulare): Mi giunge ora una foto del capitano della nazionale italica scattata ieri sera. Eccola!

Comunque andatevene a fare in culo!

Fortza Sardigna!!!

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commento (26/3/2009 - 16:47:24)
accidenti, questo sito è più divertente di quello della padania, lo amo di già!!!! la libertà è tutto, guai a chi ci toglie il diritto di evadere le tasse o di inneggiare alla sconfitta di una squadra italiana di calcio.....siamo tutti indipendentisti, no? la penso come churchill...gli italiani perdono le guerre come se fossero partite di calclio e le partite di calcio come se fossero guerre... voglio essere indipendente, singolarmente indipendente....giuro di schierarmi sempre col vincitore!!!!!! p.s. non credete che una singola città come roma abbia dato all'umanità più di quanto abbia dato la cosidetta padania e tutta l'europa del nord messa insieme? non parlo della sardegna....sono indipendentista, magari troveremo qualche capo branco ancora affamato di soldi....ahahahahaha

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto