05/09/2007 - Altri articoli dello stesso autore Anonimo
Americani e gavettoni: uno spunto per una riflessione di politica internazionale
Un lettore ci scrive:


Immarcescibile «Il Superficiale»,
di fronte a casa mia sono venuti ad abitare alcuni studenti di nazionalità statunitense, e l’altra sera sono rimasti sul balcone fino a tardi, vociando rumorosamente con altri loro conterranei che erano invece sotto in strada. Giacché ero in vacanza non mi hanno dato alcun fastidio, ma tutto ciò mi ha fatto pensare al luogo comune sugli italiani caciaroni.

Comunque non è questo il punto. A un bel momento, uno di quelli sul balcone ha tirato una secchiata d’acqua a quelli di sotto, così per gioco. Un gesto del genere rivolto ad un italiano, provoca di solito l’incendio dei citofoni o la distruzione delle fioriere se si è tra sconosciuti, una serie di insulti con probabili cori da stadio se si è tra amici. Invece è stato tutto un fiorire di risate e di “Oh, my God!”.
Per contro, con la stessa leggerezza si scatenano guerre contro stati di cui fino al giorno prima si ignorava l’esistenza. Insomma, schizofrenia collettiva.

Può un popolo del genere ambire a dominare il mondo?

Distinti saluti,

Raimondo Domenici.

-----------------------------------

Gentile Signor Domenici,

sì, può ambire. E in effetti ambisce.

Antonello da Messina

_____________________________

Sono numerose le lettere che ci invitano a dire la nostra sulla difficile situazione del mondo, in crescita quelle che in particolare ci chiedono di parlare dei cosiddetti nemici dell’Occidente; lo fa ad esempio, in una lettera non pubblicata, il signor Bauducchi, chiamandoli “beduini puzzolenti” (ecco il perché della mancata pubblicazione).

Che dire? L’abbiamo fatto in passato, in tempi non sospetti, e torneremo a farlo non appena il nostro innato desiderio di superficiale imparzialità riuscirà ad offuscare, almeno in parte, il nostro altrettanto innato istinto di sopravvivenza.

La Redazione

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commentosig. Bauducchi (16/9/2007 - 02:53:56)
Ah, bastardi! Allora mi avevate censurato!! Non era vera la storia del gatto che si era mangiato la mia lettera...!!! Bastardi! Comunisti! Giudici!

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto