10/02/2007 - Altri articoli dello stesso autore Anonimo
Bacchette scomode e modelli di sviluppo
Un lettore ci scrive:

“Spettabile «Il Superficiale»,
se mi è concesso vorrei farvi una domanda: di questo passo, dove andremo a finire?

Mi spiego meglio. Da anni si sente parlare del modello cinese, della delocalizzazione in Cina, di quanto siano bravi i cinesi a produrre qualunque cosa, dalle trombette di carnevale ai ritrovati più evoluti. Senza contare le griffe fasulle, le cineserie e la morra cinese, pratiche nelle quali eccellono da sempre.

Il modello però ha una falla, una falla enorme, e credo sia meglio accorgercene adesso prima che sia troppo tardi. In Cina, si sa, si mangia prevalentemente il riso. Cosa usano i cinesi per mangiare il riso? Le bacchette! C’è qualcosa di meno adatto delle bacchette per tirare su il riso?

Ora, un popolo che in centinaia di miliardi di anni non ha saputo inventare non dico la forchetta, ma nemmeno il cucchiaio, può essere considerato un faro da seguire come la nostra società sembra intenzionata a fare?

Ecco, vorrei attraverso di Voi lanciare un monitor ai nostri governanti, finché sono in tempo a cambiare rotta.

Ringrazio e porgo distinti saluti.”

— Lettera firmata —

Caro lettore, molti italiani vorrebbero lanciare un monitor ai nostri governanti, tuttavia invito tutti alla calma e mi dissocio (con la redazione tutta) da questo tuo desiderio di rivolta.

È invece molto interessante la questione che poni, e non è escluso che «Il Superficiale» dedichi presto uno speciale alla Cina.

Comunque ne riparliamo dopo Sanremo.

Antonello da Messina

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commentoZe Roberto, Santos (12/2/2007 - 11:34:37)
Tanto i cinese non muoiono mai: hanno utto il tempo che credono per mangiare il riso alla milanese chicco dopo chicco.
autore del commentoConfucio (13/2/2007 - 11:10:44)
......cinese muole, anche se sua anima va e subito tolna da cielo, tlovando alloggio in colpo nuovo nuovo appena allivato da cina impacchettato con moltale anatla nela allosto. Nome anaglafico non è che convenzione occidentale. tze!
autore del commentoAntonellus (27/3/2007 - 12:08:07)
Condivido le perplessità dell'autore della lettera e aggiungo altri casi secondo me emblematici: 1)La stampa: come si sa la tecnica della stampa era conosciuta in Cina molto prima che in Europa, ma i cinesi hanno un alfabeto con migliaia di complicatissimi caratteri che la randevano un'invenzione pressochè inutile. Perchè desse i suoi frutti si è dovuto aspettare che venisse reinventata in occidente. 2)La polvere da sparo: anche in questo caso l'avanzatisima scienza cinese la conosceva molti secoli prima che l'Europa, ma ci fabbricava solo fuochi artificiali. Quando Marco Polo, di ritorno dalla Cina, ne mostrò alcuni esemplari al Maggior Consiglio veneziano, subito gli ammiragli della flotta glieli sequestrarono e il giorno dopo partirono con le loro galere per spararli contro le navi genovesi: nacquero così le armi da fuoco con le quali l'occidente, nel XIX secolo, dominò a lungo la Cina. 3)Il riso e gli spaghetti: come si sa anche queste sono invenzioni cinesi, ma sono dovute arrivare in Italia dove, aggiunto un buon sughetto, sono diventati cibi buoni e famosi, infatti i cinesi li mangiavano solo in bianco. Come farà una civiltà simile ad essere un pericolo così minaccioso?

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto