10/12/2006 - Altri articoli dello stesso autore Nando Caligola
Arriva Giugno


Arriva Giugno
E io mugugno
L’arsura
Si fa dura
Ho bisogno
Di villeggiatura.

Così di fronte ad un’anguria
Del chiosco di Gennaro
Io, Ruggero e Rocco
Optiam per la Liguria.

La domenica seguente
Alle sette di mattina
È nostro il treno partente,
la Liguria s’avvicina!

Spotorno, Ventimiglia
Ma non erano solo Vie? (1)
Peccato per la griglia
In spiaggia solo biglie.

Arrivati alla spiaggia

Rocco dice: “Mannaggia”

“Che c’è?”, dico io,

“Che tope, p…o dio!”

“Dove ci mettiamo?”,

Ruggero si domanda,

“La spiaggia è una vasta landa,

bisogna che riflettiamo”

“Guarda là”,

esclama Rocco,

“tre tipe, zio fà!”,

ma lo blocco.

Dico io “osserva bene,

Non vedi i lor ragazzi?”,

“guarda che son cazzi,

e sfamar voglio il pene”.

E come Rossi

Quando supera Melandri

Io lo percossi

Facendolo tornar nei ranghi.

“Piuttosto, che ne dite

di quelle due tipe?”.

Così ci stendiamo

e subito ci mostriamo.

Allora inizio io

A narrar della mia Punto,

Regalo di mio zio,

col motore aggiunto.

Poi tocca a Ruggero

Di cui son molto fiero

Per la sua particolare andatura

E l’ennesima bocciatura.

Rocco, poi, è una garanzia

Per i problemi con la polizia

Due anni e nove mesi

Per avergli offesi.

La favella ha un risultato:

Infatti la ragazza ha sorriso,

Sarà per il mio viso,

Tutto l’anno abbronzato.

Ma della tipa il sorriso

Diventa un vero riso:

sarà per il mio occhiale,

un po’ particolare.

Ma il riso insistito e fastidioso

Diventa veramente fragoroso

e si fa anche generale:

e la rabbia sale.

E dico un po’ in affanno:

“Non lavoro tutto l’anno,

Come un mulo,

per farmi prendere per il culo”.

“Cazzo ti guardi?

Cazzo ti ridi?”

Per me sarà una fissa

Ma finisce sempre in rissa.

Adalberto Ciaccio

(1) L’autore cresce in una zona periferica di Torino, per l’appunto tra Via Ventimiglia e Via Spotorno, zona che fortifica nel Ciaccio il desiderio di evasione dalla realtà.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commentoesposito (22/12/2006 - 16:50:18)
Mi riconosco nei contenuti della poesia...che cazzo ridi, eh?
autore del commentoDiotallevi (22/12/2006 - 18:09:42)
Io non mi riconosco per niente, caro esposito. E poi tu che cazzo ti guardi???
autore del commentoSan Pasturzio (21/6/2007 - 16:30:02)
Io non vi conosco proprio... andate a casa, merdai!

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto