15/02/2006 18:51:02 - Altri articoli dello stesso autore Antonello da Messina
L’aviaria, finalmente!
Dopo mesi di attesa, l’influenza dei polli è arrivata anche da noi. Grazie alla sua posizione geografica, l’Italia è da sempre cerniera tra Oriente e Occidente e, come trampolino verso l’Europa entro-cortina, come si sarebbe detto un tempo, l’H5N1 ha scelto la nostra bella penisola.

Non sono tutte rose e fiori, però: col virus è arrivata anche la paura del contagio. Il ministro (nulla di strano: come ricorda il Vergassola ci fu chi nominò senatore un cavallo…) Storace rassicura: «nessun pericolo per i consumatori!». Ma dopo poche ore una precisazione: «l’importante è non toccare gli animali morti».

Dopo un attimo di panico gli italiani, popolo arguto e dalle trovate geniali, fanno due più due e trovano la soluzione al problema: mangiare polli vivi!
Ed ecco dunque le scene orrorifiche di questi giorni negli allevamenti attorno alle grandi città, con buona pace della LAV. «Mi raccomando! Partite dal boccone del prete, poi passate alle cosce e infine alle ali», avverte una madre italiana. «Ma non toccate gli organi vitali!», aggiunge un’altra. «No, Pierino, niente fegatini», è il mesto divieto di una terza.

Di fronte ad immagini che ero abituato a vedere solo nella savana, quando comodamente sprofondato in poltrona seguivo le puntate di “Cacciatori e prede: un rapporto di reciproca stima”, mi permetto di suggerire, grazie anche alle recenti rivelazioni di Kakaric sul professor Krastocev, una soluzione meno cruenta ma altrettanto efficace: il mesmerismo.

Se, invece di scaraventarsi come fiere sui poveri volatili, le Famiglie italiane seguissero il mio consiglio, eviterebbero ogni rischio, compreso quello di morire soffocati dalle piume, non si imbratterebbero di sangue (cosa da non sottovalutare, specie se si vuol dare una certa immagine del nostro paese), e a fine mese si ritroverebbero col portafoglio più pesante.

Sarà sufficiente accostarsi ai polli (senza toccarli) e trarne magneticamente nutrimento (badando bene a non assorbire assieme alle proteine anche la personalità dei pennuti). Si può anche operare sul pollame ancora in vendita nei nostri supermercati, purché entro 36 ore dal confezionamento; se quindi qualche temerario allevatore continuerà ad abbattere i propri capi per venderli, ci potremo risparmiare la fatica, non indifferente, di avere a che fare con individui in movimento.

È necessario allenarsi molto, e non garantisco risultati a livello di massa. A chi non riuscirà nell’intento, comunque, assicuro una diminuzione del colesterolo, diminuzione che poi è il vero motore del consumo di carne bianca.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commentoMucca Pazza (24/2/2006 - 08:46:08)
ecco, io sono un po' invidiosa.......insomma: fino a qualche mese fa tutti a strillare "attenti alla mucca pazza, attenti alla mucca pazza" ed oggi, tutto ad un tratto, non mi si fila più nessuno. Non è giusto, ecco! Biocottare l'aviaria, questo si che sarebbe giusto!
autore del commentoLoredana Lecciso (25/2/2006 - 15:02:11)
E allora io che dovrei dire? Da quasi deputata di Forza Italia sono stata relegata in soffitta, insieme al cavallo a dondolo e agli album incompleti di figurine Panini...
autore del commentoMonclair (25/2/2006 - 22:50:34)
Ed io, che dovrei dire eh? Abbandonato, come una pezza sporca. I bei tempi delle sfitinzie, dei paininari: tutto finito, solo sfumati ricordi di paninazzi e milk shakes. sigh!
autore del commentoAndreotti (28/2/2006 - 12:31:04)
Ed io cosa dovrei dire? Fino a qualche tempo fa tutti mi ritenevano mafioso e amico di Riina, ora invece mi invita solo Bruno Vespa a Porta A Porta, per parlare del caso Cogne!
autore del commentoEbola (28/2/2006 - 20:44:12)
siete dei pivelli, Mucca Pazza, Lecciso e quell'imbecille di Monclair che non so chi cazzo sia. La vera dimenticata dalla storia sono io, la febbre emorragica letale. Al giorno d'oggi se qualcuno vede un tizio che gronda sangue dagli occhi nessuno fa una grinza - al massimo gli tira un calcio - ma se il tizio in questione ha un cazzo di pollo pigro danno tutti di matto: "L'aviaria, L'aviaria!!" Ma andate a cagare!!!!

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto