11/02/2005 - Altri articoli dello stesso autore Alberto G. Barullo
A qualcuno piace Spam
Dunque, senza troppi giri di parole: lo spam mi è sempre piaciuto. E non solo lo spam inteso come email spazzatura, persino lo spam “carnaceo” – perdonate l’orribile neologismo: lo spam di carne, al secolo la pressatella – qualche volta l’ho mandato giù: buono come un hamburger da McDonald’s, il che è tutto detto.
La questione è che si tratta di due cose – lo spam e l’hamburger – che al tempo stesso fanno schifo ma attraggono: volendo continuare l’elenco menzionerei le porcate di surgelati nel banco freezer dei supermercati (eccezionale la “Baguette Salami”, nel Lidl di zona dovreste ancora trovarla, se non è stata messa all’indice del cibo proibito dai Nas nel frattempo), gli odorosi prodotti emessi sotto le coperte e quindi annusati, i telegiornali di Emilio Fede, la televisione in generale eccetera eccetera.
Senza perdermi in stupidaggini (stavo per azzardare a riguardo un “sublime”, nel senso filosofico del termine - terrifico ed esteticamente bellissimo – ma meglio tenerselo per sé): lo spam – le email spazzatura - mi piace. Mi fa ridere: avete mail letto veramente uno scam? (ndr: uno scam è una email truffa che promette percentuali da capogiro su improbabili transazioni monetarie). E’ persino ben scritto: “Salve, sono Yokoana Makongo, figlio del defunto presidente della National Bank of Nigeria. Sfortunatamente sul conto del mio defunto padre sono rimasti bloccati un bilione di bilioni di dollari” eccetera eccetera, sino alla immancabile richiesta di aiuto per trasferire i fondi (la truffa, appunto). Degne di una sceneggiatura: qualcuno si è persino preso la briga di assegnare un qualche oscar (parodistico) per la letteratura agli ignoti autori (chissà perché in maggioranza nigeriani) degli scams. Altre volte sono email semplicemente ridicole: il viagra che promette di farvi trombare come una macchina da cucire (“Act like a sewing machine”), e via di questo tono.

Per arrivare al nocciolo della questione, tanto mi piace lo spam che gli ho dedicato un intero sito, caldeggiato da almeno un paio di anni: all’indirizzo www.TheIncredibleSpamMuseum.com trovate il mio personalissimo archivio di spam; in inglese, lingua ufficiale dello spam globale. Giusto per dirvelo, nulla di più. I più intraprendenti possono inviare (donare?) all’indirizzo SpamMe@TheIncredibleSpamMuseum.com lo spam che ricevete: spammatemi a volontà, ne sarò eternamente riconoscente.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commento-> °° <- (2/11/2005 - 15:30:16)
....questa è VERAMENTE una cazzata: ne avete di tempo da perdere....
autore del commentoStupito (3/11/2005 - 10:56:20)
Cazzo, ma esiste veramente! ed io che credevo fosse una cazzata fra le altre............adesso vi giro un po' di immondizia che mi è rimasta nella posta, lo faccio con enorme piacere: mi ci sfogo pure!
autore del commento-> °° <- (3/11/2005 - 11:56:42)
inviata una dose massiccia; rimango dell'idea che sia una cazzata, ma sono cazzate vostre, x così dire
autore del commentoAlberto (3/11/2005 - 12:44:06)
.....ricevute: grazie mille! Rinnovo l'invito a intasarmi la casella di email di spam a tutti!!
autore del commentoGoofy Hunter (4/11/2005 - 14:57:40)
pezzo di cretino di un web master, i commenti non funzionavano
autore del commentoAlberto (4/11/2005 - 15:24:47)
eh, Goofy Huter, mi hai colto in castagna. messi a posto stamattina. nn me ne ero accorto. thks
autore del commentoMagaSpammer (8/11/2005 - 15:52:49)
.......sei morto, povero cretino: preparati a buttare nel cesso la tua cazzo di casella di email ^_^
autore del commentoAlberto (11/11/2005 - 16:17:57)
MagaSpammer: come si suol dire "cane che abbaia non morde"; e tutto sto spam promesso - tanto da farmi fuori la casella di email - che fine ha fatto??? Parolaio!! =)
autore del commentoLo Spam (11/7/2007 - 15:40:30)
Salve, secondo me chi dice che non si deve fare spam è perchè vogliono che paghiamo i servizi che ti fanno pubbloicità. io per esempio svolgo un lavoro on line e cerco persone interessate al mio lavoro, mi viene vietato mandare email perchè dicono che è spam. però se pago un servizio esempio il dpr loro ti mandano delle mail a cui puoi scrivere. basta pagare che non è più spam.... vabbe sarà ma a me piace lo spam. tanto quando mi arriva la posta guardo il titolo se non m'interessa la cancello direttamente.

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto