22/03/2002 - Altri articoli dello stesso autore Wassily Kulo Kakaric
Sulla Grandezza delle Nazioni
Seguite bene il mio ragionamento, che é lineare, chiaro ed evidente. La conseguenza di tutto questo è che, senza ombra di dubbio, ho ragione.
Fatta questa dovuta premessa (che é tale perché viene prima delle altre premesse, appunto), si noti inizialmente come una nazione che al giorno d'oggi non riesca a portare undici (almeno) uomini bravi con il piede al Mondiale di Pallone valga come un soldo bucato.
Ciò accade per il motivo che una nazione che si rispetti è una grande nazione nel senso del numero di cittadini, e si intuisce da ciò come almeno undici uomini in gamba con il pallone li si trova.

A riprova di ciò, per chi ritenesse più valida la prova sperimentale che non la deduzione logica, si noti che:

a) India e Pakistan non portano uomini al Mondiale del Pallone: risultato? A forza di pensare ad altro che non al Mondiale del Pallone, da vent'anni se non di più si fanno la guerra con i morti che ne derivano.

b) Gli Stati Uniti sono una grande nazione, sono in tanti, e difatti undici li hanno trovati e li hanno mandati, al Mondiale del Pallone. Lo stesso si concluda per gli africani, che pochi non sono.

Dimostrato ciò, si passi ora al secondo argomento risolutivo, che consiste nella stesura di una lista delle nazioni che, date le nostre premesse, non valgono un soldo bucato:

a) I Palestinesi, che a dirla tutta non hanno nemmeno uno stato. Come se ciò non fosse abbastanza grave, si fanno pure saltare in aria, con eventuale grande danno al rinvenimento di giovani o meno giovano bravi con i piedi e immaginabili conseguenze nefaste per la partecipazione al Mondiale del Pallone.

b) San Marino, Vaticano, Andorra, Montecarlo ed altri Stati simili. La responsabilità è qui dei Capi di Governo, che non fanno una grande nazione e la tengono invece piccola nel numero. La cecità dei governanti fa di queste nazioni degli stati che valgono un soldo bucato ed un rivolgimento nelle forme di governo si fa qui urgente

Tralasciando, per brevità, la esposizione sistematica di tutte le nazioni che non valgono un soldo bucato, passiamo alla conclusione necessaria del nostro ragionamento.

a) Le nazioni che non portano almeno undici uomini al Mondiale del Pallone valgono come il soldo bucato e dovrebbero essere assorbite all'interno di qualche nazione che un poco di grandezza ce l'abbia: se l'assorbimento venisse mediato dalle Nazioni Unite bene, in caso contrario una soluzione militare sarebbe auspicabile perché più sbrigativa.

b) La grandezza di una nazione mica è diritto naturale, e ciò significa che se uno per un po' non porta almeno undici uomini bravi con i piedi al mondiale del Pallone, la si retrocede a nazione che non vale un soldo bucato, anche qui per via politica o militare.

Tralasciando altri distinguo e cavilli, si può ben e concludere. E concludendo, il discorso finisce e non v'è altro da fare che concludere col punto grammaticale.

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto