22/03/2004 - Altri articoli dello stesso autore Romolo Limortacci
La Scoperta dell'America
Sul 'Superficiale' abbiamo già avuto la possibilità di conoscere la scrupolosità razionale del prof. Romolo Limortacci, esimio esperto di storia antica, moderna, contemporanea e futura.
D'importanza capitale è il suo celeberrimo saggio 'Il sogno americano lo faccio in America, quello bulgaro in Bulgaria', scritto nel 1979, ove il Distinto Prof, con malinconico splendore, narra la storia dell'America, paese in cui risiedono 1234 suoi parenti diretti.
Nel 1978, infatti, il prof. Limortacci visitò New-York, dove accumulò 150 milioni di lire, vendendo agli abitanti del posto due sacchi pieni di sabbia, raccolta presso la spiaggia di Ostia e spacciata come la polvere magica che trasforma l'americano comune nel Papa. Con i soldi guadagnati, si comprò una cattedra a Little Italy e cominciò a insegnare storia americana ai giocatori delle tre campanelle del quartiere, nel retrobottega del negozio 'I babà a colazione' di Benito Gennaro 'O Lazzarone.
Le lezioni raggiunsero un tal livello di incantevole poesia e sottile leggiadria, da venir pubblicate nel saggio del 1979 sopra menzionato. Estrapoliamo ora dal saggio una breve parte con le nuove aggiunte dell'ultima edizione, ringraziando Orondo il Biondo per averci concesso il permesso della pubblicazione.
LA SCOPERTA DELL'AMERICA

L'America è stata scoperta nel passato da uno che voleva andare in India. 'Sto fesso, prima di salire sull'aereo, perché non ha guardato il tabellone luminoso? Se c'è scritto America prendi l'aereo, se c'è scritto India, te ne stai in aeroporto!!! Non mi sembra difficile!!

Comunque, arrivò in America e rimase confuso perché non vide la Statua della Libertà né le Torri Gemelle: eppure i talebani non le avevano ancora buttate giù! Vide in compenso gli Americani, che chiamò Indiani, i quali, però, non assomigliano a quei 'rompicojoni' che vogliono vendere le rose a mia moglie, quando mangiamo il gelato in Piazza Navona. Da quel momento, cominciò la guerra tra gli Europei e gli Indiani per diventare i Veri Americani, spuntò John Wayne e uccise tutti gli Indiani. Comunque, non c'ho capito er cazzo de' niente!!

Vinti gli Indiani, John Wayne e amici divennero i capi e decisero di fare tanti film. Dopo un po' di anni, in America arrivarono gli Olandesi, gli Inglesi, gli Spagnoli e i miei parenti italiani, dallo zio Spartaco Cupolone al cugino Cicerone Tevere, che vado a trovare quando trovo i soldi per il viaggio Roma-New-york; poi, sinceramente, patisco volare e quindi non so se li vado a trovare. Passano altri anni e si arriva alla Seconda Guerra Mondiale e lì gli Americani s'incazzano con i giapponesi e gli tirano addosso una bomba e decidono di venire in Europa e sbarcano in Normandia, perché le spiagge lì sono belle, anche se non si riesce molto a prendersi la tintarella: meglio, che ne so, Acapulco o Spotorno. Vabbe'.

Da quel momento cambiano tanti presidenti e arrivano i Bush, che sono padre e figlio, come in Italia recitano i De Sica padre e figlio, anche se a me piace di più il figlio. E questi Bush giocano a nascondino; però sbagliano e cercano in Iraq gli altri giocatori che sono in Afghanistan, come quando mio figlio va al Flaminio, mentre la Magica gioca all'Olimpico. E il Bush figlio continua a giocare a nascondino perché è stato votato da tutti gli americani ed io sono contento.

Comunque, da storico, me incazzo non poco quando mi dicono che Bush non ha vinto le elezioni lealmente; è un po' come quando dicono che in Italia sono tutti a favore del Presidente del Milan…tutte bugie e il fatto che nel Tg5 c'è Mentana lo dimostra ulteriormente.

Boh, la lezione è finita ed io devo andare ad accompagnare mia moglie a fare la spesa, se no quella si compra di tutto ed io come faccio a vivere. Poi devo andare a prendere mio figlio a scuola e poi tornerò a casa e me leggo il giornale.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commento_Aguirre_ (no timestamp)
egregio Limortacci, le chiederei, per il prossimo futuro, unintervento sulla Rivoluzione dOttobre. grazie in anticipo e buone feste
autore del commentojklkljkllk (28/11/2005 - 21:12:49)
jjjlkjlkjkljkljkljkljkljkl

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto