04/08/2001 - Altri articoli dello stesso autore Nonna Uga
I Consigli di Nonna Uga
Cara nonna Uga, non riesco ad attaccare un bottone che ho perso maldestramente al mio cappotto invernale (e tu sai, cara nonna, quanto è importante possedere sempre il cappotto a posto in ogni momento). Cosa devo fare? Maria, San Demenzio (BO)
Non è difficile: mantieni la calma. Prova ad afferrare un ago in una mano e un filo nell'altra e vedrai che qualcosa ti verrà in mente. Se no, portalo dal sarto.

Cara nonna Uga, l'afferrare ago e filo non ha sortito gli effetti sperati, e il sarto è chiuso. Che faccio?

Maria, San Demenzio (BO)

Comprati un'altro cappotto. Ma una nonna tua a cui rompere i coglioni non ce l'hai?

No, è morta tanti anni fa, e tra l'altro i cadavere puzza e nella stanza in cui dormiva non si può più entrare. Infatti ti chiedo: come posso rendere l'ambiente più salubre, ed eliminare i cattivi odori?

Maria, San Demenzio (BO)

Seppellisci tua nonna, testa di cazzo, poi prendi ago, filo e bottone e infilateli nel culo.

Cara nonna Uga, alle volte sei troppo dura con le persone che ti scrivono. Potresti essere più cortese? Io vorrei sapere qual'è il segreto per preparare una pasta in bianco più saporita.

Ursula, Coglio (NA)

Cara Ursula, hai ragione, sarò più cortese. La pasta in bianco è un piatto che le massaie spesso sottovalutano: eppure è sano ed economico. Un trucchetto per renderlo più saporito è questo: dopo aver scolato la pasta (meglio se spaghetti), e aver condito con burro o olio o entrambi, afferra la pentola e rovesciala per terra con tutto il contenuto. Prendi poi il bastone che usi per lavare per terra e utilizza gli spaghetti come un mocio vileda, passando bene per tutti gli angoli della cucina. Da notare che la pasta sarà tanto più gustosa quanto più tempo sarà passato dall'ultima volta che avrai lavato il pavimento. Vedrai che piattino. Frà Ernesto, qui di fianco a me, mi suggerisce che un'altro modo per rendere la pasta più saporita è quella di aggiungerci del sugo al pomodoro, ma siccome frà Ernesto è un povero coglione, fai come ti dico io.

Buon Appetito, (e buona epatite, testa di minchia)

Cara nonnina, mio figlio è una testa di cazzo drogata e comunista. Che faccio?

Aldina, Fascio (AN)

Cara Aldina, finalmente un problema serio, a cui occorre una soluzione drastica: ammazza quel bastardo prima che lo faccia lui in un raptus di follia tipico dei comunisti.

Cara nonnina, l'ho fatto ammazzare da mio marito che tanto era ipnotizzato dalle chiappe delle letterine di Passaparola. E ora?

Aldina, Fascio (AN)

Non perdere la calma: seppelliscilo in un bosco e poi dì che l'anno ammazzato degli albanesi, o che i suoi amici comunisti se lo sono mangiato, o che è colpa della TV. Poi vendi i suoi CD e fatti una vacanza con tuo marito, che magari vi arrapate e ne sfornate un'altro migliore.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commento (16/3/2006 - 21:46:46)
tutte le nonne dovrebbero essere così, w nonna uga!

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto