17/06/2003 - Altri articoli dello stesso autore Nonna Uga
Gli Ulteriori Consigli di Nonna Uga
Nonna Uga è una cara vecchietta che da anni dispensa buoni consigli a tutte le affezionate massaie che le chiedono consiglio. E' una nonnetta un po' irascibile - non fatela arrabbiare! - ma ha in fondo un cuore d'oro ed una vasta sapienza antica. Tempo fa aveva già collaborato con Il Superficiale, e siamo felici di pubblicare qualche nuovo estratto della sua sconfinata ed amorevole corrispondenza.
Cara Nonna Uga,

ho un grosso problema con il nipotino: mia figlia me lo lascia spesso a balia, ma quando lui è con me piange in continuazione. Eppure il pannolone è lindo, il bambino ha mangiato in abbondanza e gli canto continuamente dolci canzoni per addormentarlo. Dammi un consiglio nonna Uga, perché ormai le ho provate tutte e non so proprio più cosa fare.

Alfonsina, Nunzio S.Gioachino (BA)

Alfonsina cara,

in tempi antichi, ben più brutali dei nostri, si era soliti risolvere problemi come il tuo con un colpo di mattarello ben assestato sulla fronte dell'infante irrequieto. Questo metodo era però assai pernicioso per la salute dell'infante e per fortuna oggi, grazie ai passi da gigante della scienza, non viene quasi più utilizzato. Scienziati giapponesi hanno infatti scoperto che i pargoli in tenera età sono ghiotti di gas metano e tu potrai dunque quietare il bambino come segue: apri il fornello del gas e passaci sopra il pargolo un paio di volte; ti accorgerai che dopo un paio di boccate la dolce creatura sospirerà soddisfatta e si assopirà dolcemente, cadendo in un lieto sonno la cui durata sarà proporzionale alla quantità di gas inalata. Bada, però, a non esagerare con il gas: come ogni cosa, il troppo nuoce!

Cara Nonna Uga,

mi son di recente appassionata di cucina povera: a riguardo, vorrei sapere se esiste una ricetta per cucinare una gustosa frittata pur non disponendo di tutti gli aromi necessari.

Renata Marzapane, Borgaretto (TO)

Cara Renata,

Come ben sai , la bravura di una massaia si misura con la sua abilità nel cucinare cene succulente con ciò che vi è in dispensa. Frà Ernesto, seduto qui accanto, mi ricorda di una ricetta in uso nel monastero di San Pezzente in Bolletta: prendi un vecchio piatto o un vecchio vaso, e pestalo fino ad ottenerne una polvere sottile. In mancanza di questi ingredienti, un vecchio mattone può andare bene, a patto che anch'esso sia pestato sino ad ottenerne una polvere fine e delicata. A questo punto, mescola tutto quanto con un po' di sale, due uova ed un po' di pepe; friggi per due minuti a fuoco alto ed otterrai una deliziosa frittata fantasia, ottima per stupire i tuoi ospiti.

Cara Nonna Uga,

grazie per i consigli precedenti, le mie amiche sono rimaste stupefatte dalla tua frittata e devo confessare che ho faticato a mantenere il segreto della tua ricetta! Ti scrivo perchè ho approfondito i miei studi e mi sono appassionata di cucina povera radicale: conosci una ricetta per cucinare una gustosa frittata senza l'uso di uova?

Renata Marzapane, Borgaretto (TO)

Cara Renata,

Frà Ernesto, seduto qui accanto, è un gran pezzente e mangerebbe pure il gesso, ma ciò che chiedi proprio non lo sa fare. Tuttavia, nella sua infinita bontà e saggezza, ha un consiglio per te: prendi un mucchio di foglie secche, dei rami o del cemento a presa rapida. Aggiungici quello che ti pare dalla dispensa ed infine condisci tutto con un po' d'olio crudo e sale; aggiungi acqua quando basta. Manda quindi giù l'impasto, se ci riesci: non saprà assolutamente di frittata, ma sazia.

Cara Nonna Uga,

è da tempo che non ti scrivo, sono Adelina di Torre Nunziata. Ti scrivo per farti una domanda: come tanti di questa stagione ho preso la febbre e mi trovo con una brutta tosse umida. Conosci un rimedio naturale per farmela passare?

Adelina Rauca, Torre Nunziata

Cara Adelina,

sinceramente pensavo ci avessi lasciato le penne già da un paio d'anni. Ma quanti cazzo di anni hai, duecento? Comunque, riguardo a ciò che chiedi puoi fare riferimento alla antica saggezza cinese: fatto un bel gargarismo, raccogli le mucose prodotte ed espellile con un potente sputo; se non ci rimetti i polmoni - li hai ancora tutti e due? - serve assai. Fra Ernesto è un gran scatarratore, e ti assicuro che al di là di qualche rumore molesto se la cava benone: segui il suo esempio e camperai ancora cent'anni.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commentoRobboso (no timestamp)
Ragazzi, io mi immedesimo con Fra Ernesto (il Gran Pezzente)......non so voi......
autore del commento_Aguirre_ (no timestamp)
Cara Nonna Uga, ho provato la ricetta della frittata senza aromi ma devo dire che fa proprio schifo. Vergogna! Ciao Ciao & viva il Superficiale!
autore del commentoIndignato (no timestamp)
Trovo un po' di cattivo gusto la questione del bambino passato sul fornello del gas: c'è chi lo fa per davvero!
autore del commentoRinchiuso (no timestamp)
Ecco chi è il bastardo che ha dato la ricetta a Renata. Corri, Fra Ernesto, corri che quando potrò alzarmi dal cesso verrò a prenderti!
autore del commentoLuca (27/9/2006 - 16:55:22)
Nonna ti desidero!

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto