12/06/2003 - Altri articoli dello stesso autore Jonathan Strazzullo
Decalogo per il Mondiale
Cari lettori del Superficiale,
siccome quest'anno, senza alcun congruo preavviso, si é deciso di giocare i mondiali di calcio, ecco un efficace decalogo per godere appieno delle gioie del gioco più bello del mondo.

1) Mettiti in mutua: il massimo che ti può capitare é che ti mandino il controllo, ma a te che cazzo te ne frega? tanto sei in casa: ti stai guardando le partite!
2) Se un lavoro non ce l'hai evita di trovartelo proprio adesso!

3) Siccome una donna non capirebbe la tua gioia (e soprattutto non capirebbe un cazzo di calcio), lascia la fidanzata; se sfiga vuole che sei sposato divorzia (se non puoi permettertelo economicamente, almeno manda tua moglie a rompere i coglioni da qualche altra parte).

4) Fai un ingente rifornimento di pasta: una buona partita si gusta meglio ingollando generose forchettate di maccheroni.

5 ) Prepara svariati litri di sughi e ragù, se no come cazzo te la condisci tutta quella pasta?

6) Abbonda anche nella scorta di vino, preferibilmente in fiaschette ('pasta e fiaschetto tifoso perfetto').

7) La divisa del buon tifoso é composta da canotta a coste e mutandoni: permettono una buona mobilità in caso di gol e una eccellente evaporazione del sudore (e siccome il tempo per lavarsi é poco...).

8) Guardare le partite con gli amici é preferibile, ma in questo caso ricordati di aumentare le scorte di vino, sugo e pasta.

9) Ripassa con attenzione tutti i cori da stadio, soprattutto quelli più densi di pathos (ad esempio: 'Ronaldo, la senti questa voce? Vaffanculo!')

10) Se l'Italia non dovesse vincere, autoconvinciti del fatto che questo mondiale non si é mai giocato.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commentoCelly (8/6/2006 - 15:39:41)
Ma andatevene affanculo...voi e queste cazzate.

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto