20/03/2004 - Altri articoli dello stesso autore Anonimo
Intervista a Bush
Ebbene sì, dopo mesi di telefonate,lettere mandate via e-mail, lettere scritte a mano e spedite tramite le poste italiane,ungare,polacche, messaggi dettati a voce a 5 piccioni viaggiatori e a due colombe, finalmente Il Superficiale ha ottenuto il permesso di intervistare LUI, il nostro faro, il punto di riferimento per ogni essere vivente, il padre,il nonno,lo zio e persino il cugino di tutti noi: il presidente degli Stati Uniti d'America, George Bush.
Tutti i giornalisti de Il Superficiale, più tre settantenni novaresi fans del Presidente e due barboni liguri che passavano di lì per caso, sono stati accolti nella Casa Bianca. Dopo le presentazioni e alcune discussioni sulla tragica morte di Signorini,che hanno visto protagonisti i barboni liguri e il Presidente ('Ma perché la squadra di Genova si chiama Genoa ela squadra di Napoli non si chiama Napoi ?' chiede il Nostro a fine discussione), finalmente ha inizio l'intervista, in cui sono stati toccati tutti i punti fondamentali dell'attuale situazione mondiale.
GIORNALISTA: Senta, Sua Eccellenza, ho scoperto una cosa molto curiosa : qualche anno fa, regnò negli USA un uomo che di cognome faceva Bush come lei. Per caso c'é qualche legame di parentela?

BUSH: Certo, è mio padre, l'uomo che mi ha fatto diventare così come sono ora, l'uomo che,quando avevo tredici anni, mi disse: 'Ricordati figliolo le foglie spuntano sugli alberi in primavera, ma cadono sempre in autunno.'

GIORNALISTA: Grazie,Sua Eminenza, oltre ad avermi commosso con questo stupendo aneddoto, mi permette di divulgare una notizia clamorosa in tutta l'Italia: quel Bush è il padre di questo Bush!!

Ma senta, Sua Santità, tornando a parlare di natura e in particolar modo di piante, è vero che sta per pubblicare un libro, che affronta lo scottante tema delle migrazioni degli uccelli sognatori della Nuova guinea?

BUSH: Sì, si tratta di un saggio di 523 pagine, che verrà pubblicato il 22 Gennaio 2003, intitolato 'Rimarranno sognatori o si disilluderanno?', come può notare dal titolo, ciò che mi interessa in particolar modo è l'aspetto esistenzialistico della vita di questi uccelli sognatori.

GIORNALISTA: Mi scusi, Sua Magnificenza, cosa ne pensa della costruzione della metropolitana a Torino e di un nuovo rifugio dalle parti della Val Susa?

BUSH: Le dirò, carissimo, che ho telefonato personalmente al sindaco Chiamparino per spingerlo a realizzare la metropolitana nella nota città sabauda. Il mio sogno, che è anche il sogno americano, è mangiare i gianduiotti, durante il tratto Venaria-Lingotto, pensando ai tempi andati.

GIORNALISTA: Adesso arriviamo, Sua Spettacolarità, alla domanda più spinosa, al problema politico più grave dell'attuale situazione mondiale, al problema da cui dipendono le sorti di tutti noi : il caso-Cassano.

Ha ragione Fascetti,il quale sostiene che il giovane va aiutato, oppure ha ragione Capello ad escluderlo sempre dalla formazione titolare della Magica?

BUSH: Proprio ieri ne parlavo con Tony Blair, il quale sostiene che bisogna aiutare i giovani a crescere, che bisogna mostrare fiducia nei loro confronti,anche per tutelare il futuro del calcio italiano. Io invece sono per la linea dura: il giovane non è disciplinato? allora va cacciato. Oggi questi ragazzi credono che tutto sia facile; ti ammali e allora,senza pagare, pretendi di essere curato in ospedale, compri giustamente una pistola in un negozio, ammazzi, e poi pretendi,soltanto, la prigione, ritenendo disumana la pena di morte, vai alle elezioni,voti democratico,come fanno praticamente tutti, e poi pretendi che non ci siano brogli elettorali. Troppo facile, la vita così.

GIORNALISTA: La ringrazio, Sua Brillantezza, e le faccio gli auguri per il futuro.

BUSH: Grazie mille e ricambio con il cuore. Mi saluti tutti i lettori de Il Superficiale, giornale che comprò dal 1981, anno in cui presi la laurea all'Università sperimentale europeo-cinese di Boston, con una tesi intitolata: 'Patatine,cheeseburger e O.J. Simpson : affinità e divergenze'.

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto