21/03/2002 - Altri articoli dello stesso autore Alberto G. Barullo
La Favola dell'Uomo che Non Ci Stava Dentro
C'erano in un lontano paese due fratelli, uno che ci stava dentro ed un'altro che non ci stava dentro per nulla. Continuamente, il fratello che ci stava dentro diceva all'altro: 'Fratello mio, stacci dentro!'.
Ma quell'altro, a sentirsi ripetere che non ci stava dentro, ci stava dentro sempre di meno e rompeva le cose, faceva danni e ne combinava una dopo l'altra: tutti gli consigliavano di starci dentro, almeno un pochino.
Così, la sera, il fratello che non ci stava dentro si lamentava con la moglie: 'Moglie mia, che fare? Non ci sto assolutamente dentro e combino un sacco di guai!'

Ma la moglie, che aveva passato la giornata al lavoro della massaia, gli rispondeva sprezzante: 'Stacci dentro marito mio, non vedi che con tutti i danni che fai non abbiamo più un soldo ed il pargolo non ci sta più dentro dalla fame?'

Allora il marito fece il corso comunale per starci dentro, ma era tutta una frottola, ed egli continuava a non starci dentro, aveva solo il portafogli più vuoto di prima, perché il corso non era gratis.

Fu così che a forza di sentirsi dire che non ci stava dentro, dal fratello dai professori e dalla moglie - insomma da tutti quanti - il marito finì per non starci dentro per davvero e fece fuori in una sola volta il fratello che ci stava dentro, la moglie ed il pargolo che non ci stava dentro dalla fame.

Quando li vide tutti sanguinanti, schifosi e brutti li guardò e gli disse: 'Stateci dentro, non vedete che fate schifo ai porci?', ed andò verso il comune per far fuori pure il professore.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commento (12/6/2006 - 14:44:28)
Si può sparare una cazzata su una cazzata?
autore del commentoGaglioffo Delle Spelonche (18/5/2011 - 13:11:20)
grazie di esistere!

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto