21/03/2004 - Altri articoli dello stesso autore Alberto G. Barullo
La Favola del Cittadino Americano Tabagista
C'era una volta un cittadino americano tabagista cui fu interdetto d'un tratto fumare nei luoghi pubblici.

Non potendo più fumare altrove se non in casa propria, il cittadino americano perse velocemente interesse per la nicotina e, in breve tempo, si accorse che non fumando aveva messo da parte da parte un bel gruzzoletto.

Un bel giorno andò a salutare il tabaccaio, che non vedeva da tempo.

'Quanto costa l'Uzi automatico esposto in vetrina?', chiese il cittadino al tabaccaio.
'Un bel gruzzoletto, ragazzo!', rispose il tabaccaio.

'Proprio il gruzzoletto che ho io!', esclamò il cittadino, e comprò quell'Uzi automatico, un gran bel fucile!
Accadde però che, tornando a casa, il cittadino desiderò provare il fucile e, facendolo nel parco, commise una tale strage che tutta la cittadinanza prese ad odiarlo ed a pensare:

'Ma che cattivo cittadino!', 'Occorre iscriverlo al Corso Comunale di Recupero!', 'Impiccatelo!', e pensieri simili.

Il povero cittadino, rattristato dall'odio della cittadinanza nei suoi confronti, si iscrisse al Corso Comunale di Recupero per gli Ex-Tabagisti che hanno Commesso Stragi.

Il Corso fu lungo ed interessante: 'Non devo sparare sui corridori nel parco!', scrisse il cittadino cento volte alla lavagna. 'Il corridore del parco non è soggetto ad attacco preventivo!', ripeté cento volte ad alta voce.

Il Corso Comunale di Recupero terminò, ed il cittadino si sentiva perfettamente guarito: era sicuro che non avrebbe mai e poi mai commesso altre stragi.

Sfortunatamente, tornando a casa non riuscì a trattenersi, e fece fuori una dozzina di podisti che correvano lungo il fiume.

Fu così che la cittadinanza prese ad odiarlo sul serio, abolì il Corso Comunale di Recupero, e fece friggere il cittadino sulla sedia elettrica, senza concedergli l'ultima sigaretta.

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commentobetta (11/6/2007 - 13:58:52)
hanno fatto proprio bene a metterlo nella sedia elettrica
autore del commentoma (7/11/2007 - 17:26:27)
hanno fatto proprio... ma stai zitta! art sfigato commenti sfigato

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto