20/09/2003 - Altri articoli dello stesso autore Attilio Torello
Digitale Terrestre? Palla Ovale, Grazie!
La risposta mi sembra ovvia, ed è quel che ho risposto alla Redazione quando mi hanno detto che gli articoli sullo Sport, ovverosia sul nobile giuoco del Calcio, li avrei dovuti fare seduto in poltrona davanti alla TV per motivi economici: toglietemi tutto ma non la bestemmia sugli spalti!
Ed è così che la Redazione, non volendo spendere un patrimonio per l'acquisto dei biglietti per uno dei nostri stadi comunali, mi ha imposto di fare un pezzo sull'incontro tra la nazionale scozzese e la nostra (pagando la trasferta!).
Quando mi sono accorto che si trattava di quel gioco con la palla schiacciata era oramai troppo tardi. Ma devo confessare che le sensazioni erano simili: sciarpe e cori, moccoli e rutti liberi, panino e birra. Mi ha riportato ai profumi e colori di un tempo, ma soprattutto mi ha risvegliato il piacere di gustare una meritatissima birra sfumazzando senza filtro e toscanelli.
Intanto quei corpulenti giovanotti continuavano a menarsi senza che l'arbitro potesse estrarre un odiatissimo cartellino di qualsivoglia colore, sempre con quello strambo pallone in mano e, quando alla fine gli si riesce a dare un porcoddio di calcio terminato alle stelle, tutto il pubblico si è esaltato:

'Ma quanto siete cretini, ho imprecato, non avete visto dove ha spedito il pallone? E' una pippa!' quelli non mi hanno dato retta, non conoscendo l'italiano.

Un po' deluso dal non poter condividere i miei contributi tecnici con una manica di uomini in minigonna collegiale, mi sono dileggiato a percorrere il corridoio tra il bar e il bagno per tutta la durata dell'incontro, ruttando internazionalmente.

La partita, mi è stato riferito, l'ha vinta la squadra di casa: poteva finire diversamente? Perché, mi chiedo, bisogna invadere il terreno di specializzazione di chi ha una superiorità storica in tale attività? E' come se i tedeschi si mettessero a cucinare gli spaghetti, come se i portoghesi iniziassero a distillare whisky, come se i meridionali cominciassero a lavorare, come se le donne si mettessero in pantaloncini corti a giocare al Calcio: che orrore!

In tutta la trasferta un pensiero ha continuato a tormentarmi: se per entrare a godersi una agonistica e liberatoria partita del pallone sia della massima serie che del campionato cadetto bisogna accendere un mutuo rischiando interessi da strozzinaggio, mentre per guardarla davanti al televisore costa giusto un paio di caffè al Bar Pietro, chi ha interesse nel farci frantumare le scatole dalla moglie ostile alle passioni maschili che incessantemente ci interrompe chiedendoci chi gioca, quanto stanno e per quale squadra si parteggia?

Detto ciò, all'arrivo delle spese della trasferta sai le risate quando quegli ignoranti della Redazione si accorgeranno che la Scozia non confina con l'Italia!

aggiungi un commentospara una cazzata su questo articolo

autore del commentoMinniti (no timestamp)
In Scozia ci sono stato l'hanno scorso e con la'ereo si arriva in poco...è giusto dietro Spalato.
autore del commento_Aguirre_ (no timestamp)
Minniti è un gran sozzone: non sa scrivere l'itagliano e non sa dove e la Scozzia. A certa ggente non dovvrebbe essere lasciato comprare internet!

Questo sito viene aggiornato in base alla disponibilità degli autori (e all'esito della loro continua lotta contro la propria pigrizia); non è in alcun modo un periodico né un prodotto editoriale. Termini quali "redazione" o "articoli" sono da intendersi in modo del tutto scherzoso e autoironico, così come l'espressione "periodico per l'uomo mediocre" con cui talvolta viene definito il sito stesso. I commenti sono di responsabilità dei rispettivi autori.

Dove non specificato altrimenti, i testi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons Ciò, in estrema sintesi, significa che potete utilizzare liberamente i contenuti di questo sito a fini non commerciali. Ogni contenuto estraneo al dominio de "Il Superficiale" non è soggetto alla licenza sopra citata ed appartiene al rispettivo autore. Email: ilsuperficiale@ilsuperficiale.it
Indice del NumeroIndice del Numero

Lo zombie della porta accanto
Clicca sulla locandina per vederla ingrandita


Rassegna stampa: quello che avreste potuto leggere sul Superficiale e invece è successo davvero
Aggiornata all'11 ottobre 2011



Twitter Updates

    follow me on Twitter






    È necessario Adobe Flash Player per visualizzare questo contenuto